Archivio Categoria: Corte di Cassazione

Personaggio noto e diritto all’immagine: il caso Rivera

Con l’ordinanza n. 19515 del 16 giugno scorso, la Cassazione ha deciso una questione in tema di diritto d’autore e diritto all’immagine, con riguardo all’utilizzo commerciale di ritratti di personaggi noti. La vicenda concerne l’uso di fotografie dell’ex calciatore Gianni Rivera, nel contenuto audiovisivo offerto in vendita da RCS. Secondo la Corte d’Appello di Milano, che […]

Made in Italy: la Cassazione sull’uso del marchio che induca il consumatore a ritenere il prodotto di origine italiana

Con sentenza del 23 giugno scorso (Cass. civ., sez. I, ord., 23 giugno 2022, n. 20226), La Cassazione si è pronunciata in materia di Made in Italy, in una vicenda relativa alla commercializzazione di calzature fabbricate in Cina e contraddistinte da un marchio costituito da un nome italiano. Sebbene i prodotti presentassero l’indicazione del Paese […]

Streaming: la nozione di hosting provider attivo secondo la Cassazione

La Corte di Cassazione si è pronunciata nella causa tra RTI (gruppo Mediaset) e la società americana Tmft Enterprises LLC-Break Media (breviter Break Media), riguardo al caricamento online non autorizzato di oltre 40 filmati tratti da programmi Mediaset (Cass. Civ., sez. I, 13/12/2021, n. 39763/2021, consultabile qui). Secondo la Corte, l’attività di Break Media non era limitata […]

Diritto alla riservatezza: diffusione non autorizzata di videoclip che svela aspetti della vita privata di un terzo

Il videoclip realizzato per un brano del noto cantante Gigi d’Alessio, “Oi nenna né” è stato oggetto di una causa, proposta da una donna ripresa (senza il suo consenso) mano nella mano con un uomo con il quale intratteneva una relazione extraconiugale. La signora aveva citato l’etichetta discografica, Sony, produttrice del video, per lesione del […]

Format televisivo: la Cassazione conferma che il programma Amici non è un plagio

La pronuncia della Corte di Cassazione del 29 novembre 2021 ha chiuso una lunga vicenda giudiziaria riguardo alla tutela del format, in relazione al noto programma televisivo “Amici di Maria De Filippi”. La causa, instaurata dall’autore di un precedente format televisivo, ha coinvolto l’emittente, la società produttrice e l’autrice del programma. Questo, al tempo denominato “Saranno […]

La rinomanza del marchio SANTAL secondo la Cassazione

La Corte di Cassazione (sentenza n. 37355/2021, consultabile qui) è tornata a pronunciarsi in tema di marchi rinomati – dopo la recente decisione Gucci (si veda qui il nostro articolo). Pronunciandosi nella controversia relativa ai marchi “Santal” e “Santé”, la Corte ha rigettato il ricorso presentato dalla società titolare del marchio successivo, “Santé”. Nel 2017, la […]

Corte di Cassazione: la contraffazione del marchio rinomato prescinde dal rischio di confusione

Con ordinanza del 7 ottobre 2021, la Corte di Cassazione ha cassato la sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Firenze, n. 1006/2016, impugnata da Guccio Gucci s.p.a. in tema di contraffazione di marchio rinomato. La Corte d’Appello, in nuova composizione, sarà ora chiamata ad “accertare se l’utilizzo del marchio posteriore costituisca o meno, (…), un […]

Algoritmi e rating reputazionale: secondo la Cassazione il consenso non è valido se il funzionamento e gli elementi che compongono l’algoritmo restano non conoscibili dall’interessato

La vicenda ha origine dal provvedimento n. 488/2016 (doc. web n. 5796783) del Garante Privacy, che ha giudicato come non lecita la piattaforma dell’Associazione “Mevaluate Onlus” che raccoglie numerose categorie di dati personali (attinenti alle seguenti sfere: “penale”, “fiscale”, “civile”, “lavoro ed impegno civile”, “studi e formazione”) per il calcolo di un “rating reputazionale” del […]

La Cassazione si pronuncia sulla tutela penale dei segreti commerciali.

Con una sentenza pubblicata il 4 giugno scorso, la Cassazione penale si è espressa sulla portata applicativa della fattispecie di reato di cui all’art. 623 c.p., che punisce con la reclusione fino a 2 anni chiunque, essendo venuto a conoscenza o avendo acquisito in modo abusivo segreti commerciali – o notizie destinate a rimanere segrete […]