Design: il rapporto tra margine di libertà dell’autore e affollamento del mercato

In una recente sentenza in materia di disegni e modelli (Sentenza del 15 giugno 2022, T-380/20), il Tribunale dell’Unione Europea ha fornito interessanti chiarimenti sul tema del margine di libertà dell’autore ai sensi dell’art. 6, par. 2 del Regolamento sul design comunitario (Regolamento CE 12 dicembre 2001, n. 6/2002) e sul suo rapporto con il principio di affollamento del mercato.

Ai sensi dell’articolo 6, paragrafo 2, del Regolamento n. 6/2002, nell’accertare il carattere individuale del design si prende in considerazione il margine di libertà dell’autore nella realizzazione del disegno. Questo è stabilito a partire dai vincoli esistenti, quanto alle caratteristiche imposte dalla funzione tecnica del prodotto o di un elemento del prodotto, o dalle prescrizioni legislative applicabili al prodotto al quale il disegno o modello è applicato. I vincoli o le norme attinenti al prodotto cui è applicato il disegno influenzano la valutazione sul punto: più la libertà dell’autore è considerata ampia, meno è probabile che piccole differenze tra i disegni posti a confronto siano atti a produrre un’impressione generale diversa nell’utilizzatore informato. Al contrario, se il margine di libertà dell’autore è limitato, piccole differenze tra i disegni o modelli confrontati potranno considerarsi sufficienti per ritenere diversa l’impressione generale che suscita il design per l’utilizzatore informato.

Nel caso in esame, il Tribunale UE ha confermato la decisione impugnata della commissione di ricorso, che aveva evidenziato la grande libertà di scelta e l’ampiezza di possibilità in capo all’autore del disegno nel settore di rilievo (radiatori per riscaldamento).

In secondo luogo, il Giudice UE ha affermato che ai fini della sua determinazione, l’affollamento dello stato dell’arte richiede l’individuazione di disegni o modelli aventi le stesse caratteristiche generali dei disegni o modelli oggetto di scrutinio. Pertanto, il Giudice ha rilevato come si tratti di concetti diversi e distinti, e che, in ogni caso, l’affollamento sul mercato rilevante non può essere considerato un limite alla libertà dell’autore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *